Investire Online

Questo blog offre a tutti i visitatori un aiuto indispensabile per che si affaccia al mondo degli Investimenti online.
Soluzioni per gli investimenti e analisi tecniche su mercati Oro e Petrolio saranno proposte regolarmente.

Quello che devi sapere per affrontare il tuo investimento online in modo consapevole con le migliori soluzioni.

Un riferimento per appassionati di Borsa e Finanza, sempre in evoluzione per proporti nuovi servizi per migliorare il proprio sapere.

Negoziare azioni. Come avvengono gli ordini di compravendita

negoziare-azioni-onlinePer negoziare azioni e per partecipare ai collocamenti azionari (dei quali ci occuperemo), occorre per prima cosa aprire un conto corrente (in banca o online) e un conto titoli presso gli intermediari autorizzati, che in Italia sono le banche e le Sim.
Da precisare che le Sim non possono effettuare operazioni bancarie (emettere carte di credito, libretti assegni, ecc.), per cui, chi ha un conto titoli presso una Sim, deve avere un conto corrente presso una banca.

Il conto titoli ed il conto corrente, che permettono la negoziazione delle azioni, sono di fatto separati ed hanno rendicontazioni autonome.
Grazie all’innovazione tecnolgica, oggi gli scambi avvengono soprattutto online.

In Italia la maggior parte dei conti correnti, anche online, consente l’acquisto di azioni quotate, sia italiane che estere. Addirittura negli Usa, da più di 16 anni, piccole società collocano le proprie azioni direttamente al pubblico attraverso internet senza l’assistenza di intermediari finanziari e di merchant bank.
La diffusione di internet e delle tecnologie informatiche e l’allungamento degli orari della Borsa ha consentito di accrescere l’operatività dei privati sui mercati azionari, e ha fatto crollare i costi delle transazioni. Continua..

Il cambiamento dei rendimento delle obbligazioni

rendimento-obbligazioni-2011Negli ultimi anni i tassi di interesse ai minimi storici hanno costretto gli investitori che hanno puntato sulle obbligazioni ad accontentarsi di rendimenti minimi. Ma la situazione è destinata a cambiare entro breve.

Le previsioni, infatti, parlano di un rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca centrale europea a metà 2011.

A confermarlo è anche l’andamento del cambio euro dollaro che evidenza una prevalenza della moneta unica non certo perchè si attende un Pil superiore a quello degli Stati Uniti, ma piuttosto perchè la Federal Reserve ha manifestato l’intenzione di non attuare un rialzo dei tassi di interesse nel breve termine, adottando quindi una politica monetaria contraria a quella della Bce.

La Bce, infatti, potrebbe portare i tassi all’1,25% dall’attuale 1% già a partire dalla prossima estate, per poi farli crescere fino al 2% nel corso dei successivi sei mesi.

Ne consegue quindi che i rendimenti di titoli a cedola variabile inizieranno a farsi interessanti a partire dalla fine del 2011, a partire dalle obbligazioni societarie che pagheranno prima rendimenti più elevati per via della cadenza trimestrale dei pagamenti, mentre per il rendimento dei titoli del Tesoro italiano le modifiche avverranno con minore velocità perchè i parametri di riferimento sono i Bot a sei mesi e il tasso Euribor semestrale. Continua..

Scegliere un portafoglio obbligazionario personalizzato

portafoglio-obligazionarioGli investitori che intendono puntare i propri risparmi sul mercato delle obbligazioni si ritrovano a dover scegliere tra emissioni governative e bond societari, una scelta che deve essere basata sulla propensione al rischio del risparmiatore e sul valore complessivo del patrimonio.

In entrambi i casi esiste una propensione a rischio, la stessa che caratterizza tutti gli investimenti. A seconda della composizione del portafoglio obbligazionario, tuttavia, la propensione al rischio può essere alta, media o bassa.

In un portafoglio obbligazionario a basso rischio l’80% sarà costituito da titoli di Stato ad elevato rating, il 10% da titoli di Stato a medio rating e il restante 10% da bond societari ad elevato rating.
Dal punto di vista della durata dei titoli, invece, il 60% sarà costituito da obbligazioni a 1 anno, il 20% da obbligazioni a 2 anni, il 10% da obbligazioni a 5 anni e il 10% da obbligazioni a 10 anni.

Un portafoglio obbligazionario a medio rischio sarà composto per il 60% da titoli di Stato ad elevato rating, per il 20% da titoli di Stato a basso rating, per il 10% da bond societari ad elevato rating e per il 10% da bond societari a medio rating.
Di questi titoli il 40% dovrà essere rappresentato da obbligazioni a 1 anno, il 30% da obbligazioni a 2 anni, il 15% da obbligazioni a 5 anni, il 10% da obbligazioni a 10 anni e il 5% da obbligazioni a oltre 10 anni. Continua..

Quando è il momento giusto di investire online in Borsa?

momento-di-investire-onlineQuando si decide di investire online in Borsa e di investire i propri risparmi bisogna non solo cercare di seguire tutti i consigli utili per investire online in Borsa senza rischi e di valutare bene gli errori più comuni individuati dalla finanza comportamentale ma è anche necessario dedicare una certa attenzione al periodo in cui si scegli di investire online, un aspetto decisamente molto rilevante soprattutto sul piano umano, in quanto sbagliare il periodo giusto può avere conseguenze disastrose soprattutto a causa dei condizionamenti di carattere psicologico.

A riguardo un punto di riferimento per gli investitori è l’orologio realizzato da Trevor Greetham, attuale direttore degli investimenti di Fidelity Asset Management.

Questo orologio, in particolare, individua i settori su cui è meglio investire online a seconda della fase economica in atto mediante la suddivisione del quadrante in quattro diverse aree: Continua..

Broker e truffe

broker-truffeIl broker forex è un intermediario professionista indispensabile per operare nel campo del forex cioè nel mercato di compravendita valute. L’intermediario del mercato finanziario si occupa di cercare, acquistare o vendere per conto del cliente il prodotto finanziario che offre le performance migliori in quel dato momento.

Poichè per operare nel mercato delle valute (foreign exchang) c’è bisogno di tale figura, diventa molto importante scegliere un broker affidabile, serio e preparato, per evitare di buttar via i propri soldi.

Professionisti o presunti tali, il web è pieno di operatori che talvolta rendono difficoltosa la scelta di quello giusto.

Come scegliere un broker forex?

Forma Giuridica del broker
Secondo le leggi italiane per effettuare l’attività di broker o intermediario del mercato finanziario, bisogna che l’attività sia esercitata in veste di società per azioni. Nel caso in cui si scelga un broker italiano è buona norma accertarsi che faccia parte di una società e che la stessa sia nota, affidabile e solida.

Appare evidente che è meglio rivolgersi a professionisti che operano per banche o grandi gruppi d’investimento piuttosto che ad operatori improvvisati. Continua..

Investire online nelle commodities nel 2011

investire-online-in-commoditiesSono numerosi gli esperti convinti del fatto che gli investitori dovrebbero riservare una parte del proprio portafoglio di investimenti alle materie prime. Investire online nelle commodities, infatti, rappresenta un’ottima strategie di difesa in forza del fatto che i prezzi delle materie prime sono destinati a salire per via delle limitate possibilità di accrescere l’offerta in vista di un aumento costante della domanda.

Gli economisti di JP Morgan, in particolare, stimano che nel corso del prossimo decennio le quotazioni di un paniere di metalli di base per uso industriale composto da acciaio, rame e piombo potrebbe crescere ad una media del 7,5% annuo. A spingere al rialzo le quotazioni sarebbe soprattutto il costante aumento della domanda proveniente dalla Cina, che secondo una recente stima copre addirittura il 40% del consumo globale di questi beni.

Dopo le turbolenze politiche che nel corso degli ultimi giorni hanno interessato Libia ed Egitto, tuttavia, l’attenzione degli analisti e degli investitori è puntata soprattutto sul greggio, che nel corso degli ultimi giorni ha superato i 110 dollari al barile. Nonostante questo gli esperti di JP Morgan si sono detti convinti che nel corso dei prossimi due anni il prezzo del greggio non supererà la media dei 100-110 dollari al barile. Continua..

Powered by WordPress | Get Cheap or Free T-MobileCell Phones Online. | Thanks to Best Savings Accounts, Credit Cards and Reverse lookup